News

Curiosità sui dintorni di Verona

curiosità verona.jpg

Cosa visitare intorno a Verona

Il territorio intorno a Verona è davvero adatto a tutti i gusti, ma i suoi tesori non sono sempre esposti in bella vista, alcuni sono un po’ nascosti, come fossero piccoli segreti, delle curiosità molto “gustose” di cui pochi sanno.

Noi di Hotel Gardenia Verona veniamo sempre incontro ai nostri ospiti, e ciò significa anche consigliare le giuste prelibatezze da non farsi sfuggire durante il proprio viaggio a Verona.

Il sentiero del Ventrar

Il sentiero del Ventrar si trova sul monte Baldo, al confine tra la provincia di Verona e quella di Trento.

Ritenuto da sempre uno dei sentieri naturalistici più belli d’Europa, si struttura ad anello per una lunghezza di circa 5 km. Nel suo percorso mostra panorami affascinanti dell’alto Garda, incorniciati dalle pareti del monte.

Per percorrerlo è richiesto solitamente un allenamento minimo, ma è sconsigliato ai bimbi piccoli e a chi soffre di vertigini, poiché presenta passaggi un po’ esposti e difficoltosi.

È però possibile raggiungere uno dei punti panoramici del sentiero che si affaccia sul Garda attraverso la funivia che parte da Malcesine, paesino di origine medievale situato sulla riva orientale del lago, che lo collega con la cima del monte.

L’arco della Costa

Se stai visitando Verona, non puoi non recarti in piazza delle Erbe, tra le piazze più antiche della città, risalente al periodo romano.

Oggi è il centro della movida locale. Un arco collega piazza delle Erbe a piazza dei Signori. Su quest’ultimo, conosciuto come Arco della Costa, è appeso un osso, non si sa se sia di balena o di dinosauro. La funzione originale ancora non è chiara, anche se la più probabile è che sia un’antica insegna di una farmacia risalente al Medioevo.

Il Tamburino Sardo

Conosci il libro Cuore di De Amicis? La Tamburino sardo? Ambientato nella seconda metà dell’Ottocento, dove si sta svolgendo la Prima guerra d’Indipendenza.

Un ragazzo di appena 14 anni si trova con un reggimento di soldati lombardi, inviati sulle colline del Custoza per sorvegliare la zona, quando subisce l’attacco degli austriaci.
Il comandante del reggimento conferisce un compito speciale al ragazzino, ovvero di andare a Villafranca per consegnare un messaggio di richiesta di aiuto ai Carabinieri.

Nonostante venga ferito a una gamba e il dolore lo rallenti, il giovane Tamburino porta a termine il compito permettendo così la sconfitta delle truppe nemiche.

Proprio nel luogo dove è stata combattuta la battaglia è stato costruito un ristorante chiamato in suo onore “Tamburino Sardo”. Offre cucina tipica veneta, ovviamente accompagnata da un calice di vino.

Il locale si adatta ad ogni fascia di prezzo; molto frequentato per pranzi o cene di lavoro, è ideale anche per eventi come battesimi e compleanni o un semplice pasto in famiglia.

Palazzo Bottagisio

Sei un appassionato della storia delle guerre d’indipendenza? Allora prosegui verso Villafranca e visita il Palazzo Bottagisio, sede dell’incontro tra Napoleone III e l’imperatore austro-ungarico Francesco Giuseppe, che portò alla firma del trattato di pace della Seconda guerra d’indipendenza, gettando le basi dell’Unità d’Italia.

Risalente al 1700 e recentemente ristrutturato, il palazzo ha un giardino botanico che merita una visita. Non è molto ampio, ma racchiude un’atmosfera suggestiva, forse perché è un luogo che ha assistito a un momento storico significativo.

Le meraviglie non finiscono di certo qua, prenota subito il tuo soggiorno a Verona nel nostro hotel. Contattaci!


CONTATTI
COSA DICONO DI NOI
TripAdvisor

© 2021 Hotel Gardenia *** |
P.Iva IT04598480236 | Privacy policy |
Credits Ekeria_512x512.png